Cleaning professionale: + 3% nel 2018
― Pubblicata l’annuale indagine di AfidampFAB dedicata all’analisi del mercato del cleaning professionale. Il settore dimostra ancora un trend positivo

Continua a dimostrarsi forte il comparto del cleaning professionale!

A dirlo sono i numeri dell’annuale indagine di AfidampFAB, associazione fabbricanti italiani di macchine, prodotti e attrezzi per la pulizia professionale e igiene degli ambienti, che rappresenta, a livello nazionale, la filiera delle aziende che fabbricano prodotti per la pulizia professionale.
I dati dell’indagine confermano l’andamento positivo che aveva visto l’intero settore in ripresa nel biennio precedente (con una crescita nel 2016/2017 del 5%).

I dati in breve

In fatturato complessivo registrato nel 2018 è di 1.780.529.716 euro, un dato che parla di un settore sano e in crescita, sia in Italia sia all’estero.
Il mercato italiano registra nel 2018 una crescita del 3%, rispetto all’anno precedente, e un fatturato globale di 848.685.612 euro. Stessa percentuale di crescita 3% per l’esportazione con un fatturato totale di 931.844.105 euro.
A segnare la maggiore crescita sono i prodotti chimici, comparto con i migliori risultati (+7%), le macchine (+6%), la carta (+5%) e le fibre panni (+5%).
Stabili le attrezzature (+0,4%), in calo il comparto altri prodotti (-10%) che include dispenser per sapone e diffusori deodoranti, asciugamani elettrici e ad aria calda, batterie e caricabatterie, spazzole e dischi trascinatori, prodotti non classificabili.
Calano anche accessori e ricambi macchine (-11%).

I dati globali

Composizione percentuale del fatturato totale:

• Macchine: 33% con 146.367 euro
• Prodotti chimici: 12% con 223.027.561 euro
• Attrezzature: 4% con 71.087.917 euro
• Carta uso professionale: 34% con 601.374.704 euro
• Fibre e panni: 2% con 31.760.807 euro
• Accessori e ricambi macchine: 5% con 87.161.454 euro
• Altri prodotti: 10% con 181.970.906 euro

Esportazione e mercati esteri

Nel 2018 l’esportazione rappresenta il 52% del fatturato globale, per un totale di 931.844.105 euro (+3% sull’anno precedente).
Il mercato delle esportazioni è così composto:

      1. Macchine 41% del fatturato
      2. Carta 32% del fatturato
      3. Altri prodotti 11% del fatturato (dispenser per sapone e diffusori deodoranti asciugamani elettrici ad aria calda batterie e caricabatterie spazzole e dischi)
      4. Accessori e ricambi macchine 6% del fatturato
      5. Attrezzature 5% del fatturato
      6. Prodotti chimici, storicamente destinati al mercato interno, rappresentano anche nel 2018 il 4% del totale export.

Cresce ancora la rilevanza del comparto macchine a livello internazionale. Il fatturato in questo settore è realizzato per il 66% sui mercati esteri.

Mercato interno

Anche il mercato interno si dimostra in salute con una crescita del 3% (rispetto al 2017) e un fatturato totale pari a 848.685.612 euro.
Il comparto più rilevante è quello della carta che rappresenta il 35% del totale del fatturato; segue quello delle macchine con il 23%; al terzo posto prodotti chimici con il 22%; altri prodotti con il 10%; accessori e ricambi per le macchine con il 4%; attrezzature e fibre e panni con il 3%.

Analisi dei diversi settori

Di seguito un dettaglio sull’andamento delle diverse categorie di prodotto che fanno parte del settore cleaning.

Comparto macchine

Il comparto delle macchine rappresenta il 33% del cleaning professionale.
Nel 2018 ha realizzato 584.146.367 euro di fatturato, più 6% rispetto al 2017; 909.960 il totale di pezzi prodotti, con una preponderanza di aspirapolvere/liquidi (circa 500.000 pezzi), seguono idropulitrici e lavasciuga. In crescita anche la produzione di spazzatrici, in particolare quelle stradali, macchine per moquette e generatori di vapore.

Comparto prodotti chimici

Fatturato complessivo nel 2018: 223.027.561 euro, con un incremento del 7%. Segno positivo per la produzione di prodotti per pavimento e ambienti.

Comparto attrezzature

Ne fanno parte carrelli e telai tessili per pavimenti, accessori vari, garze monouso… nel 2018 ha prodotto un fatturato di 71.087.917 euro (+0,4%).

Comparto carta

Cresciuto del 5% rispetto all’anno precedente, è uno dei comparti più significativi e rappresenta il 34% del fatturato 2018, in crescita di un punto percentuale con un totale complessivo di 601.374.704 euro. Ha una forte presenza sui mercati esteri con una quota di esportazione del 32%. All’intenro del comparta carta, il settore più rilevante è quello degli asciugamani, in costante crescita, con 218.636.778 euro di fatturato complessivo.

Comparto fibre e panni

È il settore a cui fanno capo panni per pavimenti, panni monouso e dischi per la pulizia. Il fatturato nel 2018 mostra un incremento del 5% rispetto all’anno precedente, il fatturato globale è di 31.760.807 euro. Al suo interno il mercato degli abrasivi si è dimostrato particolarmente florido con una crescita del 8%.

Comparto altri prodotti

Sono molte le tipologie di prodotto che confluiscono qui: dispenser per sapone e diffusori deodoranti, asciugamani elettrici aria calda, batterie e caricabatterie, spazzole e dischi trascinatori, prodotti non classificabili. Il fatturato registrato nel 2018 è stato pari a 181.970.906 euro, in flessione del 10% rispetto all’anno precedente, il settore torna così ai livelli del 2016.

Comparto accessori e ricambi macchine

Si registra un calo anche in questo settore (-11%) dopo la crescita del 15% registrata nel 2017. La flessione si registra sia sul mercato italiano che sui mercati esteri.