Il mulettista guida il carrello elevatore girando intorno al pallet in retomarcia mentre il secondo operatore, posizionato su un bancale sulle forche del muletto, viene sollevato mentre srotola la pellicola avvolgendo la merce.

I commenti della rete sono ben divisi in due gruppi: chi ride della bravata taggando amici e colleghi, chi sottolinea senza scherzare la grave imprudenza dei due protagonisti del video.

La chiave della sicurezza sta, molto probabilmente in moltissimi casi, proprio in questa scelta, nell’atteggiamento che si decide di avere di fronte a queste scene.

Bisogna dare atto ai due protagonisti che questa è di certo una scena inconsueta, un’operazione che esula da quella che può essere la noia della routine… ma questo basta per soprassedere sull’innegabile rischio corso?
In fondo basta davvero un nonnulla perchè l’operatore con la pellicola in mano perda l’equilibrio e cada, o perchè il carrello elevatore, in retro marcia ad una velocità sostenuta in sterzo continuo perda stabilità, o perchè il carico, sbilanciato per qualche motivo, cada.

Ne vale davvero la pena? A quale scopo? Strappare un sorriso a un collega? Essere considerati simpatici? Essere considerati fantasiosi?

Forse, per dimostrarsi fantasiosi, sarebbe meglio inventare altri modi per raggiungere nobili scopi quali far sorridere i colleghi e cambiare routine lavorative considerate noiose o poco efficienti.

Una cosa è certa: finché ci sarà qualcuno che considera la sicurezza qualcosa di noioso, il lavoro non sarà mai sicuro e i lavoratori non saranno al sicuro.