― Una rete che conta 62 dealer, a soli due anni dal lancio del marchio. Con il suo 2% del mercato, Baoli festeggia la consegna del suo millesimo carrello

Sono trascorsi solo due anni dal lancio sul mercato italiano del marchio Baoli e già si celebra la consegna del 1000esimo carrello, un frontale Diesel KB35 acquistato dalla NL Recycling Italia, azienda di Rio Saliceto, Reggio Emilia, specializzata nella selezione ed esportazione di rifiuti plastici, che fa capo al Gruppo Galli.

Avevamo bisogno di un carrello dalle dimensioni ridotte – spiega Giorgio Galli, titolare del Gruppo – che potesse entrare direttamente nei container e da impiegare in modo intensivo in fase di preparazione e carico dei materiali destinati alla vendita. Abbiamo scelto il KB35 per l’ottimo rapporto qualità prezzo e per l’eccellente livello di servizio e assistenza garantito da BAOLI. Dopo alcune settimane di utilizzo posso dire che le nostre aspettative sono state confermate dagli operatori, che si trovano benissimo con questo mezzo, anche per la sua grande maneggevolezza”.

Un risultato straordinario per Baoli, che sta nei numeri e non solo. La consegna del carrello numero 1.000 in Italia è segno che il marchio, oltre ad essere altamente apprezzato, sta bruciando le tappe e crescendo a ritmi sostenuti. Acquisito dal Gruppo Kion nel 2009, il marchio Baoli è stato lanciato nel nostro Paese a inizio 2016 da OM Carrelli Elevatori, che per la distribuzione e l’assistenza ha creato una nuova rete composta da dealer tutti accuratamente selezionati. L’obiettivo, inizialmente era arrivare a 50 dealer entro il 2020, ma il successo del progetto è stato tale che ad oggi i partner sono già 62: 22 al nord, 21 al centro e 19 al sud Italia.

Con la sigla degli ultimi accordi – spiega Massimo Marchetti, Head of Sales di Baoli – abbiamo completato la copertura del territorio italiano da nord a sud, isole comprese. Questo è uno dei nostri principali punti di forza. Nessun altro produttore asiatico può contare su una rete tanto solida e capillare alla quale è affidato il compito non solo di sviluppare il mercato, ma anche di garantire ricambi in pronta consegna, assistenza pre e post vendita”.

Ed è sopratutto in virtù di questo modello organizzativo, unito alla capacità unica di coniugare l’ingegneria e la tecnologia di un grande gruppo mondiale con il pragmatismo e l’attenzione ai costi dei prodotti realizzati in Asia, che Baoli ha conquistato una quota del 2% del mercato italiano.
Una crescita che non ha intenzione di fermarsi ma che punta a crescere ancora, rivolgendosi a quell’ampio segmento di mercato che pur non avendo la necessità di carrelli super accessoriati e iper tecnologici, cerca qualità.

BAOLI – Nato in Cina nel 2003, Baoli è un marchio di carrelli elevatori acquisito nel 2009 dal Gruppo Kion, leader in Europa e secondo produttore al mondo di carrelli elevatori e macchine da magazzino. Kion ha riorganizzato la produzione di Baoli, adeguandola ai più moderni standard: componenti, tecnologie, ingegneria di processo e linee produttive sono tutte a tecnologia made in Germany. Baoli, primo marchio in grado di coniugare prezzo concorrenziale, affidabilità, qualità progettuale tedesca ad un servizio di assistenza di prim’ordine, propone una gamma completa di controbilanciati e macchine da interno.