Per tuttocarrellielevatori.it la sicurezza è particolarmente importante, continua così la ricerca di nuovi sistemi e iniziative dedicate alla tutela degli operatori di carrelli e delle persone vicine.

Vi avevamo parlato del sistema di sicurezza SpotMe, ideato da Toyota Material Handling per prevenire incidenti dovuti al traffico in magazzino grazie alla segnalazione con luce lampeggiante.

Presentiamo ora il sistema di assistenza di Linde Material Handling che facilita il monitoraggio della zona posteriore del carrello e aiuta a prevenire eventuali incidenti.

Come funziona

Il sistema è costituito da 2 unità installate nella parte posteriore del carrello, ciascuna con 6 sensori. Un modulo centrale invece è dedicato a trasmettere segnali acustici e visive.
linde_sensore_retromarcia
L’area posteriore, monitorata dai sensori, viene suddivisa in 3 zone:

A. Zona preliminare
Se un ostacolo (merci, persone o altri carrelli) viene rilevato in questa zona, lampeggiano le luci in cabina e e si avverte un segnale acustico;

B. Zona di avvertimento
In questa zona lampeggiano i led rossi e l’avviso acustico si ripete a brevi intervalli.

C. Zona di collisione
I led rossi rimangono accesi e il segnale acustico è continuo.

Il raggio di monitoraggio arriva fino a 9 metri e le varie aree possono essere personalizzate dai tecnici in base alle necessità del cliente e all’ambiente.
Se la situazione diventa pericolosa, il sistema riduce automaticamente la velocità di marcia.

Il sistema presentato da Linde è sicuramente efficace e può prevenire molti incidenti ed evitare danneggiamenti alle merci e alle strutture.

Fonti:
Linde Material Handling
www.linde-mh.it