― Seconda giornata al Green Logistics Expo, ecco cosa è successo

Procede la prima edizione di Green Logistics Expo con quasi 250 aziende presenti provenienti da 8 Paesi, oltre 50 tra convegni e workshop con oltre 250 relatori di prestigio.

Anche la seconda giornata ha visto gli stand degli espositori visitati da operatori del settore e visitatori interessati alle quattro aree tematiche in cui è suddivisa la manifestazione: intermodalità, logistica industriale e real estate, e-commerce, city & logistics.

I convegni della giornata hanno mantenuto l’ottica proposta dall’evento: parlare di logistica in termini di sostenibilità. Un atteggiamento questo che ingloba tutta una serie di importanti scelte: prediligere tecnologie pulite, attenzione alla sicurezza e alla qualità del lavoro, una migliore gestione dell’esistente prima di pensare ad altre realizzazioni, ottimizzare spostamenti e movimentazioni in maniera ragionata. Di questo si è parlato nei convegni a tema di trasformazione digitale, rapporto tra porti e interporti, sicurezza degli operatori e patologie professionali degli autotrasportatori, sostenibilità nella filiera alimentare, il futuro degli spedizionieri alla luce dei cambiamenti della logistica, smartcity, veicoli alternativi per una logistica sostenibile, il marchio di logistica sostenibile.

In queste due giornate ci sono stati anche interventi di prestigio, come quello dell’Amministratore delegato del Gruppo FSI, Renato Mazzoncini che ha giudicato positivamente la nascita di Green Logistics Expo: “Quando abbiamo presentato il nostro progetto per le merci, abbiamo dovuto farlo a Monaco, in Germania: adesso finalmente anche l’Italia ha una manifestazione di riferimento per la logistica e quando avremo una nuova presentazione potremo farla qui”.